Mar. Feb 7th, 2023

Quando per varie necessità subentra il bisogno di svuotare casa, bisogna stare molto attenti a scegliere la giusta ditta che se ne occupi. Oltre alle responsabilità della ditta, infatti, ci sono delle responsabilità che spettano anche ai proprietari dell’immobile. A primo impatto, questo potrebbe sembrare un lavoro semplice e senza intoppi e lo è se ci si affida a degli esperti come quelli di www.sgomberigratismilano.it, ma c’è bisogno di stare attenti anche allo smaltimento dei rifiuti. L’attività di sgombero casa, infatti, non può prescindere da quelle del trasporto e dello smaltimento rifiuti. Si tratta di operazioni molto delicate che, se fatte male, potrebbero farvi incorrere in sanzioni amministrative o, in caso di rifiuti tossici, anche in vere e proprio sanzioni penali.

 

Quali requisiti deve avere una ditta per sgomberare casa

 

Oltre al rischio di sanzioni varie, anche perché potrebbe capitare che in qualche mobile o in qualche altro oggetto da rivendere o da smaltire, si ritrovino dei documenti, delle bollette o delle fatture, c’è anche il rischio che un operaio possa infortunarsi durante lo sgombero appartamento. Proprio per questo motivo, è fondamentale che tutti i dipendenti della ditta siano assunti in maniera regolare. Questo fattore, purtroppo, non è così scontato come potrebbe sembrare. Di conseguenza, la società deve essere dotata anche di opportuna assicurazione che tuteli i lavoratori e i clienti. Per tutelarvi sotto questo punto di vista, potete richiedere una copia del contratto di assunzione dei dipendenti che si occuperanno del vostro sgombero.

 

Svuotare appartamento: i titoli da richiedere alla ditta

 

Le società svuota casa, inoltre, devono essere alla camera di commercio e all’albo gestori ambientale e devono essere in possesso dell’autorizzazione all’albo Nazionale degli autotrasportatori. In materia di smaltimento rifiuti, devono inoltre rilasciare un documento chiamato Formulario di identificazione dei rifiuti (o FIR). Questo documento viene firmato dal proprietario dell’immobile (o comunque chi commissiona il lavoro) e poi controfirmato dalla ditta stessa. Il FIR vi tutela in toto proprio perché contiene informazioni inerenti a: orario e luogo di partenza, tipologia di rifiuto (codice numerico) e destinazione dei rifiuti (quindi indirizzo della discarica).

Di Grey